Sabato, 26 Settembre 2020
SI SPOSA - Settimanale di informazione per gli sposi Anno 7° - Numero 25

Se tu osi, oso anch’io! Gli sposi di Pat Maseda

Share Button

IMG_20160522_101528Un marchio sempre al passo coi tempi, una casa di moda attenta ai passaggi di consegne tra modelli culturali. Pat Maseda, putignanese doc, sottolinea come al giorno d’oggi né la sposa né lo sposo vogliono rinunciare alla particolarità. I tempi sono cambiati, le persone si informano e vengono a conoscenza di tutte le tendenze del settore, e i produttori devono soddisfare le loro richieste. “Gli sposi e gli stilisti di oggi sono globali”, ci racconta Domenico Tria, “il matrimonio resta sempre un sogno, quel concetto non cambia, ma cambia il modo di realizzarlo. Così, l’età media degli sposi è aumentata, la loro cultura è aumentata e le richieste di abiti sempre più importanti sono aumentate. La sposa vuole sentirsi donna quindi chiede trasparenze e scollature, anche per le seconde nozze, che sono vissute addirittura con maggiore libertà di scelta rispetto alle prime. E lo sposo, non essendo particolarmente abituato all’uso della giacca, osa anche lui perché non vuole assolutamente sfigurare e vuole essere ricordato come la sposa”. Il gusto italiano per i capi, d’altronde, resta solo italiano, in Europa le scelte sono decisamente classiche per la cerimonia uomo, mentre da noi lo sposo esige qualcosa in più che lo diversifichi e non lo massifichi. Il matrimonio sarà pure il sogno di sempre, ma se è vero ciò che dice il Signor Domenico, allora possiamo definirlo un sogno amplificato!

Lucia Nachira

Leggi anche:

Antonio Riva, campione di strutture
Italy Bridal Expo riporta la moda bridal nella Capitale
UNA PIOGGIA DI METEORE. L'ABITO SECONDO LUSAN MANGONDUS
Lascia un commento