Lunedì, 14 Ottobre 2019
SI SPOSA - Settimanale di informazione per gli sposi Anno 7° - Numero 25

Il Made in Italy dal gusto internazionale: Bellantuono e Blumarine

Share Button

“Teniamo al Made in Italy più di ogni altra cosa, tutto il processo di produzione dei nostri capi deve assolutamente avvenire in Italia, è questo che ci contraddistingue da più di cinquant’anni!” Elena Bellantuono

Con questa premessa la collezione 2020 del brand pugliese non può che essere un concentrato di eleganza, raffinatezza, modernità e sobrietà, nel puro gusto del Made in Puglia. Elena Bellantuono, che insieme alla sorella è alla terza generazione di stilisti nell’azienda di famiglia e che per quasi 30 anni ha lavorato nel prêt-à-porter delle Maison internazionali, ci tiene particolarmente a sottolineare questo aspetto, che rappresenta una garanzia di qualità e perfezione, nonché un valore che la Bellantuono ha sempre rispettato e che, anche nell’era della globalizzazione e della tecnologia imperante, continua a difendere.

Il fil rouge della collezione Bellantuono Bridal 2020 traccia il solco del romanticismo rigoroso, che non è una contraddizione in termini ma un magico incontro tra la pulizia delle forme e delle linee e l’animo delicato, sensibile e femminile delle spose. I capi presentati in passerella a Sì Sposaitalia Collezioni Milano sono realizzati con materiali sontuosamente semplici che regalano risultati inediti e assolutamente contemporanei, come la gonna ad ampie balze che alternano organza e tulle plissé o il corpino in mikado che illumina il busto. Accenti studiati risolvono in maniera molto moderna l’esigenza di decoro: ecco apparire per esempio un abito col punto vita impreziosito da una cintura in duchesse o da ricami sulla gonna in crinella. La sensualità sposa il romanticismo, quindi non mancano scollature leggermente profonde, trasperenze sui corpini e grandi fiocchi che riprendono per dimensione e forma gli anni ’50.

C’è un ampio studio dietro la realizzazione di ogni capo a firma Bellantuono Bridal Group, che mixa sapientemente il gusto per la modernità e il respiro internazionale alla fonte inesauribile di spunti offerti dalla tradizione.

All’interno della famiglia Bellantuono c’è anche il marchio Blumarine Sposa che la stilista Anna Molinari ha reso celebre in tutto il mondo e che da più di 15 anni viene prodotto proprio dalla Maison pugliese. Nella passerella condivisa a Milano Blumarine ha presentato una collezione sposa 2020 particolarmente femminile, delicata nelle linee e decisa nell’uso combinato di diversi tessuti. La designer ha pensato per la prossima stagione a donne avvolte in un’aura poetica e romantica: silhouette nette e contemporanee, decori discreti come fiori di campo ricamati in color ametista, inserti in satin o mikado in purezza. Il plissé soleil in raso asseconda il movimento e gli dona grazia. L’ampiezza delle gonne sembra ispirata al mondo della danza classica. La palette di colori di questa collezione spazia dal bianco avorio al beige e al rosa pastello, soprattutto negli abiti corti dal look più fresco e giovanile.

Un vero e proprio teorema sulla purezza quello predicato da Blumarine Sposa, che non ha bisogno di sovrastrutture, di artifici o di esasperazioni. La costruzione rigorosamente sartoriale di ogni abito permette al corpo di essere sottolineato senza eccessi, senza inutili provocazioni, e si avvale di una pulizia di linee e di temi perfettamente in  con il presente.

Lucia Nachira

Leggi anche:

Sontuosità e trasformismo per Maison Signore
Papilio, Principessa dei Cigni...
La dolcezza di una sposa senza tempo... La sposa di Luisa
Lascia un commento