Mercoledì, 23 Maggio 2018
SI SPOSA - Settimanale di informazione per gli sposi Anno 7° - Numero 21

White Carpet by Sposaitalia Collezioni

Share Button

Un’idea, un progetto, un successo! Questa è stata la prima edizione di “White Carpet” by Sì Sposaitalia Collezioni Milano, fortemente voluta dalla direttrice di Sposaitalia, Simona Greco, una passerella collettiva che ha visto la partecipazione di inedite coppie di stilisti. Sotto l’autorevole supervisione della nota fashion critic Giusi Ferrè, i designer hanno ripensato i look bridal e ceremony, dando vita a innovazioni stilistiche che strizzano l’occhio alla modernità e alla sperimentazione. Il prêt-à-porter si unisce per la prima volta al mondo del bridal, creando una magica atmosfera ricca di glamour a cui hanno preso parte stampa, professionisti, influencer e ospiti speciali.

Queste le insolite coppie viste sfilare:

Alessandra Rinaudo con l’influencer Paola Turani

Bellantuono Bridal Group con il designer Efisio Marras

Bellantuono Bridal Group con Blumarine Sposa

Carlo Pignatelli per i suoi 50 anni di carriera

Enzo Miccio Bridal con Filippa Lagerbäck 

Musani Couture in coppia con il talento emergente Stefano De Lellis 

Olympia con Giulia Gaudino

Tosca Spose affiancata dal duo creativo Leitmotiv 

Accoppiata vincente quella tra la stilista Alessandra Rinaudo (anche volto noto e amato di Rai 2) e la modella e web influencer Paola Turani, che hanno presentato alcuni capi della collezione Nicole Spose di cui Alessandra è la Direttrice creativa. In un’atmosfera regale, quasi d’altri tempi, si consuma la storia d’amore più struggente, quella tra Giulietta e Romeo… E proprio a Giulietta è dedicata la collezione, ricca di ricami e di luce, di tessuti morbidi e di trasparenze, romantica sì, ma di un romanticismo energico e vitale, perfetta rappresentazione dell’animo della designer.

Efisio Marras, direttore creativo del brand I’m Isola Marras, ha accolto con particolare interesse la proposta di Bellantuono Bridal Group, realizzando una capsule collection di 6 abiti quasi futuristica, con tagli asimmetrici, cuciture a vista, orli volutamente sbagliati. La sposa vista da Marras è irriverente, autoironica e non si prende mai sul serio!

Lo stesso Bellantuono Bridal Group, poi, ha realizzato la collezione sposa 2019 per il marchio Blumarine, la cui direttrice, Anna Molinari, è stata insignita di un premio alla carriera da Giusi Ferrè e Simona Greco proprio durante il White Carpet. La collezione presentata in passerella è caratterizzata dalla dolcezza di un rosa inebriante, simbolo di un romanticismo che da sempre caratterizza il brand e che quest’anno è stato ripreso direttamente dalla Belle Époque e dal pittore Giovanni Boldini della stessa epoca, a cui si è ispirata la designer. Spazio al tulle, tanto tulle, alle balze e a tutte le sfumature del rosa!

Special guest della serata, una grande griffe come quella di Carlo Pignatelli, che ha scelto Si White Carpet by Sposaitalia Collezioni per raccontare un nuovo capitolo della sua storia con una capsule celebrativa in occasione del 50° anniversario. In passerella 7 nuovi abiti (6 da uomo e 1 da donna) dallo stile contemporaneo ma che racchiudono tutte le peculiarità che Pignatelli ha dimostrato in tutti questi anni: eleganza, originalità, raffinatezza, pregiatezza. La sua “Storia di un sogno” rivive sulla passerella, insieme a tutte le emozioni che nei decenni il brand ha saputo regalare!

Il wedding planner più conosciuto d’Italia, Enzo Miccio, ha scelto come musa ispiratrice della sua capsule collection la conduttrice Filippa Lagerbäck, anche perché sta organizzando il suo matrimonio con Daniele Bossari e negli ultimi tempi hanno avuto modo di collaborare per la realizzazione di nozze ‘a tutta natura’. E infatti anche i capi presentati al White Carpet hanno come tratto distintivo l’amore per la natura che da sempre contraddistingue la bella svedese: abiti scivolati, tessuti morbidissimi, maniche rese importanti da piccoli dettagli di stile e un fare bucolico che ha affascinato la platea.

Passando alla cerimonia, irrompe sulla scena un eccentrico Musani Couture, che affida all’emergente Stefano De Lellis l’arduo compito di stupire… E non potevano non stupire, d’altronde, i suoi contrasti tra colori già accesi come il rosso e il fucsia, pennellati su abiti a sirena o dai grandi spacchi e corpetti generosi di tessuti, il tutto reso ancora più radical da cinturine borchiate in pelle nera, per un’invitata che potrebbe colpire al cuore più della sposa!

Anche il brand Olympia Bridal ha scelto una web influencer, Giulia Gaudino, per il suo debutto sulla passerella milanese. I ricami sono i protagonisti di questa capsule collection, che troneggiano su corpetti stretch e importanti scollature, mentre deliziosi voile alleggeriscono i capi quasi a renderli evanescenti.

I designer Fabio Sasso e Juan Caro di Leitmotiv, infine, hanno disegnato per Tosca Spose abiti dove i protagonisti sono le stampe floreali (anche sulle fodere delle gonne per un effetto ottico notevole), gli accostamenti di colore (meno eccentrici e sgargianti rispetto a Musani) e le linee romantiche dei capi.

Un evento straordinario, quindi, il White Carpet, un tappeto di griffe e nomi altisonanti che ha avuto il merito di mettere insieme personalità diverse, sperimentare nuove commistioni e dar voce aulicamente all’arte in ogni sua forma!

Lucia Nachira

Leggi anche:

PETRELLI UOMO, I DETTAGLI CHE FANNO LA DIFFERENZA
La luce di un sogno, la sposa di Luisa...
Dallo sposo nasce la sposa, Carlo Pignatelli
Lascia un commento