Venerdì, 24 Novembre 2017
SI SPOSA - Settimanale di informazione per gli sposi Anno 6° - Numero 44

SEDURRE, PRIMA E DOPO IL SÌ: IL DEBUTTO BRIDAL DI VALERIA MARINI

Share Button

Il 2014 sembra essere un anno di debutti nel campo del disegno bridal. Così, dopo il “Back to Elegance” di Enzo Miccio ecco palesarsi l’opera prima dell’attrice e stilista Valeria Marini, che, grazie alla collaborazione con l’azienda campana Maison Signore, sembra aver realizzato un altro dei suoi sogni, dopo aver disegnato una splendida collezione di gioielli e una di lingerie. Nell’incantevole cornice dell’Hotel Principe di Savoia a Milano, infatti, la wedding week si è arricchita della presenza di questa spumeggiante partnership tra l’azienda campana di abiti da sposa e la Valeria nazionale per la produzione e la distribuzione della neonata linea firmata da lei. Alla presentazione della collezione che porta il nome di “Seduction” (in perfetto stile Marini) c’eravamo anche noi e abbiamo avuto modo di conversare con la neo designer proprio sulla sua linea, capace di catturare lo sguardo e di far sognare le future spose, e di conseguenza anche i futuri sposi! Valeria ha scelto un baluardo dell’artigianalità italiana in fatto di wedding dress, la Maison Signore, come lei stessa afferma: “Realizzare una linea di abiti da sposa è sempre stato il mio sogno, ma a differenza di altri campi sapevo che era necessario trovare un partner del settore in grado di tradurre i miei disegni e le mie idee in abiti da sogno. Ed è per questo che ho scelto di farlo con la Maison Signore, una realtà nella quale ancora oggi tutti gli abiti vengono realizzati in Italia e ogni dettaglio è studiato da uno dei migliori uffici stile del Paese”.
La collezione “Seduction” incarna appieno il significato letterale del suo nome: le linee dei capi sono tutte a sirena e scivolate, in modo da esaltare ogni curva del corpo femminile, fascianti e attillate, brulicanti di cristalli Swarovski e pizzi francesi, ricami e scollature mozzafiato. Una collezione luminosa e originale, arricchita anche da bustini stretch, trasparenze, effetti nude e tatoo, drappeggi armoniosi… L’imperativo di questa collezione, ispirata in parte all’intramontabile Old Hollywood Style, è stupire ed emozionare, sedurre e brillare come una stella. Questa linea si va ad aggiungere alle altre due che caratterizzano la Maison Signore, “Excellence” e “Victoria F”. “La scelta di presentare le collezioni nell’ambito della wedding week milanese”, dichiara l’Amministratore delegato della Maison, Gino Signore, “rientra nel nostro piano di sviluppo che, successivamente al consolidamento territoriale dei nostri Atelier a Napoli e Caserta, punta ora a rispondere alla domanda di tante future spose di poter trovare i nostri abiti artigianali anche nei più importanti showroom italiani e internazionali. L’accordo con Valeria Marini ci inorgoglisce e sono certo che una linea nata dalle sue intuizioni e dai suoi disegni col supporto del nostro ufficio stile potrà avere un riscontro più che positivo”. Lei, Valeria, splendida nel suo abito a tubino corto, dopo le foto di rito con i manager della Maison Signore e con le modelle che indossavano le sue creazioni, ci ha concesso una breve intervista dove ha raccontato qualcosa in più della sua collezione. L’intervista sarà pubblicata sul prossimo numero della rivista Si Sposa.

Lucia Nachira
Foto: Verardi Produzioni

Leggi anche:

Minimalismo e sensualità: la sposa di Regina Schrecker
RICCO ROMANTICISMO PER LE SPOSE DI SOFIA
Estro e amore per i tessuti: CM Creazioni
Lascia un commento