Domenica, 20 Agosto 2017
SI SPOSA - Settimanale di informazione per gli sposi Anno 6° - Numero 36

PHOTO BOOTH… ZANG TUMB CRASH!!!

Share Button

La tecnologia libera la creatività! Il movimento futurista agli inizi del secolo scorso cercava di inserire il movimento nelle creazioni artistiche. Per riuscirci utilizzava tutte le novità tecnologiche a disposizione, dunque la fotografia fa ingresso nella creazione artistica.
Il photo booth, ultima novità venuta da oltreoceano, ribalta i termini del problema. Offre infatti la possibilità di deformare l’immagine fotografica fino a farla diventare essa stessa una creazione artistica!
Certamente resta – per fortuna – invariato il problema della creatività: cioè, il photo booth non potrà trasformare una cosa brutta in una bella, se l’utilizzatore non sarà stato capace di desiderare la bellezza!
La parola d’ordine del wedding 2015 sarà proprio “photo booth”.
Ricordate le vecchie cabine utilizzate per le foto tessere? Sono ormai tornate di moda! La nuova idea, che giunge direttamente dall’America, è già stata protagonista infatti di numerosi matrimoni. Come si fa è presto detto! Le photo booth sono delle cabine attrezzate di accessori d’abbigliamento (quali cappelli, occhiali particolari e simpatici, cravatte, parrucche, baffi etc.) dentro cui tutti gli inviati, sposi compresi , si potranno divertire scattando foto. Il macchinario rilascerà due copie di ciascuna posa, una per l’invitato, l’altra per gli sposi, da inserire poi nell’esclusivo Guest book.
Nuove foto originali e divertenti coloreranno così il vostro album per il ricordo di un matrimonio “simpatico e divertente”, che questa volta ci farà rivedere come “non eravamo” o rispondere alle domande fatte dai figli su come “non era” questo o quel parente. Auguri!
I vecchi album fotografici dei matrimoni da sfogliare ogni tanto – più o meno tristemente – per vedere come eravamo o rispondere alle domande dei figli su qualche parente lontano scompariranno, dimenticati in qualche sgabuzzino polveroso? Forse! Ma a me piace pensare che in un angolino del salotto buono comunque resterà quell’ingombrante pesantissimo album di colore incerto e rilegatura corazzata a prova di piccone che racchiude i volti veri delle persone vere che hanno partecipato ad una cerimonia vera e hanno veramente sorriso quella volta lì…

Luisa Lazzari
Foto: Biancoperla Wedding e Daniele Notaro

Leggi anche:

Michele Placido e Federica Vincenti scelgono la loro terra per dirsi 'sì'
La Puglia d'eccellenza: Masseria Ciura alla Biennale d'Architettura di Venezia
Matrimonio tra stranieri
Lascia un commento