Domenica, 20 Agosto 2017
SI SPOSA - Settimanale di informazione per gli sposi Anno 6° - Numero 36

Medio Orientale ma non troppo: Tarik Ediz

Share Button

Un’esplosione di colore per il brand turco “Tarik Ediz”, nella sua prima passerella milanese a “Sì Sposaitalia Collezioni”. La sfilata del designer di Instanbul ha sorpreso molto per l’eleganza delle linee e la creatività del disegno, in grado di dare un tocco regale e pieno di fascino a chi indossa le sue opere stilistiche. Due le collezioni presentate per questo 2016: la cerimonia e la sposa. Abiti da gran sera hanno calcato la passerella, alternando colori come il rosso, l’arancio, il blu, il verde smeraldo, il verde bosco, il viola melanzana, il marrone, lo zebrato, alla lucentezza dei cristalli, raggruppati a formare scollature vertiginose su décolleté e schiena, spalline favolose e corpetti ultra stretch da sogno. L’atmosfera medio orientale ha pervaso ogni creazione, che è apparsa subito come un sapiente mescolamento tra cultura tradizionale turca e modernità cosmopolita della città di Istanbul.
“Laureato in ingegneria, Tarik Ediz (lo stilista) ha unito con successo il suo talento matematico al suo amore per la moda. Ha esordito nel mondo della moda nel 1987, seguendo il suo cuore e la sua mente. Da allora ha dedicato tutto il suo tempo, passione ed energia per la creazione di abiti speciali in grado di risplendere nel prestigioso mondo dell’alta moda. Ogni abito Tarik Ediz è realizzato nel suo atelier in Istanbul, sotto il suo sguardo vigile. Ogni abito costituisce una combinazione unica di sapiente artigianato e abilità sartoriali. Il design unico e l’eccellente qualità degli abiti ha condotto Tarik Ediz da Istanbul all’affascinante palcoscenico della moda internazionale. Dopo aver ricevuto grande apprezzamento per le sue collezioni di abiti da cerimonia, nel 2013 Tarik Ediz ha lanciato la sua linea sposa Tarik Ediz White, che ha contribuito alla crescita e al successo dell’azienda”.
Abiti gioiello per la cerimonia, che in alcuni casi si trasformano in veri e propri disegni luccicanti tatuati sulla pelle; linee sinuose e scivolate, ma anche ampie gonne in mikado dal fare principesco. Per la sposa, poi, variegato utilizzo di pizzi ricamati e di cristalli, tulle e seta; linee prettamente scivolate e veri reticoli di tessuto a coprire l’intera figura. “Sono affascinato dalla combinazione di creatività e tecnica richiesta nel processo di realizzazione di un abito” ha affermato lo stilista, confermando la passione che ci mette nell’operare con i tessuti e con il disegno, sempre più a Oriente, sempre più in Europa!

Lucia Nachira
Foto: Verardi Produzioni

Leggi anche:

IMPRESSIONI DI VETRO PER GIUSEPPE PAPINI
Elisabetta Polignano disegna l'India sulle spose
Una sensuale Creazioni Elena a Milano!
Lascia un commento