Domenica, 25 Giugno 2017
SI SPOSA - Settimanale di informazione per gli sposi Anno 6° - Numero 29

Luccichii dal mondo Toi Spose

Share Button

Protagonista di Sì Sposaitalia Collezioni Milano anche Toi Spose, marchio tutto italiano dal carattere romantico che per il 2016 ha disegnato abiti ampi e di vari volumi, accompagnati da eleganti scollature e trasparenze per una sposa sognatrice che non rinuncia alla sua femminilità e sensualità. Il pizzo caratterizza la maggior parte dei modelli e si fonde con ricami sobri e luminosi per una eleganza senza eccessi. Organze, tulle, pizzi e velature si mescolano in uno scenario da sogno. I colori sono molto tenui e abbracciano le nuance del cipria, del verde, del glicine. Il brand punta anche agli accessori, per la sposa e per la cerimonia, e in questo campo giocano un ruolo fondamentale gli strass, per un look da vera star, con un occhio anche al portafoglio! Ne abbiamo parlato con il responsabile dell’azienda conosciuta in tutto il mondo:
Com’è la sposa Toi 2016?
Manteniamo abiti romantici, con volumi contenuti, pizzo, velature, ricami sobri ed eleganti, colori pastello che sono un po’ nel nostro dna (rosa, cipria) e che vendiamo soprattutto all’estero.
Che tipo di tessuti avete utilizzato?
Organza, pizzo e tulle, chiffon, satin. Il pizzo ancora quest’anno è un must.
Vi occupate anche di calzature…
Sì, sia da sposa che da cerimonia, la tendenza per le calzature sarebbe quella di ridurre il plateau a un tacco più basso, ma per il pianeta sposa questo non è possibile, la donna nel giorno delle nozze vuole acquistare qualche centimetro in più, quindi non rinuncia al plateau, che tra l’altro è anche più comodo.
Quanta storia alle spalle ha la vostra azienda?
Siamo quasi prossimi ai trent’anni ormai, il tempo e l’esperienza ci danno la capacità di conoscere il mercato, di anticipare i gusti, le tendenze. Abbiamo un’identità, un nostro prodotto, ma abbiamo anche avuto l’intelligenza di non restare fossilizzati su una sola tipologia di offrire abiti adatti a tutti i budget. Allargarci al mondo garantendo la nostra stessa qualità. Una sposa che ha un budget ridotto non deve rinunciare alla qualità, basta utilizzare dei tessuti meno ricercati ed elaborati e rinunciare ai cristalli e ad eccessive lavorazioni per esempio, ed ecco che con gusto ed eleganza avrà il suo abito da sogno.

Lucia Nachira
Foto: Verardi Produzioni

Leggi anche:

Estro e amore per i tessuti: CM Creazioni
Lo sposo è sprint con Petrelli Uomo!
La principessa Annette alla corte del 2016!
Lascia un commento