Sabato, 24 Giugno 2017
SI SPOSA - Settimanale di informazione per gli sposi Anno 6° - Numero 29

Lingerie da sposa

Share Button

Non meno importante della scelta dell’abito e degli accessori è la lingerie da indossare sotto l’abito da sposa, che deve essere necessariamente intonata al colore dell’abito e delle eventuali calze, e soprattutto molto, ma molto elegante! Non vorrete sfigurare di certo proprio nella notte del vostro matrimonio? Il vostro sposo potrebbe non perdonarvelo! Quindi, basta seguire alcune semplici regole, o consigli di intimo stile, e il risultato sarà a dir poco spumeggiante!
Il ventaglio delle possibilità è davvero ampio: dal completo reggiseno e tanga al body in pizzo, fino al babydoll coordinato. Si tratta in genere di lingerie che le spose indossano solo il giorno del matrimonio perchè troppo impegnativa; chi di voi infatti va in ufficio o a fare la spesa con intimo di seta o di pizzo? Parliamo, infatti, di indumenti che, per chi non è avvvezzo a indossarli, risultano scomodi e inadatti se non a situazioni particolari.
Anche la lingerie da sposa ha la sua importanza e rappresenta il coronamento del giorno più bello della vita dei due sposi, e proprio per questo deve essere curata nei minimi particolari. Deve essere sexy ma non volgare, e realizzata in tessuti pregiati, quali pizzo o seta, ma deve anche stare bene alla sposa che deve scegliere i modelli più adatti non solo alla propria silhouette, ma anche al tipo di abito scelto. Altra cosa molto importante è che gli indumenti intimi dovrebbero essere provati insieme all’abito da sposa, non solo per vedere se ci sono dettagli che fuoriescono dall’abito o dalle scollature, ma anche per accertarsi che la lingerie non faccia difetto sotto l’abito, soprattutto se si indossano corsetti molto attillati.
A seconda del tipo di abito, quindi, sceglierete un intimo diverso, vediamo alcune possibilità: con i bustier o i monospalla è bene scegliere un reggiseno a fascia, anche push up, se siete abituate a indossarlo e se la vostra taglia lo consente; con abiti fluidi, a taglio sottoveste scivolato, meglio il classico triangolo; una novità perfetta per l’occasione, poi, è l’underwear invisibile, che comprende corpetti e reggiseni in uno speciale tessuto stretch leggerissimo e che non si smaglia.
Se poi vi sposate in inverno, avrete bisogno di un paio di calze, meglio autoreggenti, altrimenti vi servirà una guêpière. In commercio ce ne sono davvero di belle, eleganti e raffinate, realizzate esclusivamente per il giorno del proprio matrimonio. Ad ogni modo, la tradizione vuole che anche le spose estive indossino le calze, velatissime date le alte temperature, soprattutto se ci si sposa in chiesa.
Se avete un filo di pancia da nascondere, allora vi donerà un tenero babydoll. Se avete il ventre piatto, sarà meglio indossare la parigina, la microsottoveste superaderente. Il bustier, invece, è più adatto a chi ha un fisico abbondante, ma proporzionato. Mentre alle supermagre dona il reggiseno a triangolo che, in pizzo o tulle, riesce a essere molto sexy. Ricordatevi, comunque, che l’imperativo di quel giorno è stare comode, perché dovrete indossare l’intimo per quasi un giorno intero, non potrete certo permettervi di avere fastidi dovuti a corpetti troppo stretti, ferretti insistenti o reggicalze ingombranti!
Non necessariamente il colore da indossare sotto l’abito è bianco, si può optare anche per il beige, il glicine, il bronzo… e perché non osare il nero? Siamo nel nuovo millennio, la prima notte di nozze merita il colore con cui ci sentiamo più donne, per il nostro neo marito!

Lucia Nachira

Leggi anche:

Il linguaggio dei fiori: la calla
Le acconciature delle spose dai capelli corti
Accessori per capelli: il diadema

Comments are closed.