Venerdì, 24 Novembre 2017
SI SPOSA - Settimanale di informazione per gli sposi Anno 6° - Numero 44

L’IMPERATIVO DA BARCELLONA: ESTRO E AUSTERITÀ!

Share Button

Si è chiusa pochi giorni fa la XXXIII edizione di “Barcelona Bridal Week”, appuntamento attesissimo per il mondo del wedding dress internazionale. Circa 200 grandi firme, di cui il 50% estere, 16.000 operatori del settore, di cui il 60% stranieri e circa 9.000 spettatori alla “Gaudì Novias Catwalk”, la passerella delle grandi sfilate. Numeri importanti per il mondo del wedding, che testimoniano l’enorme interesse dei buyer per ciò che offre la modernissima città catalana.

Ma veniamo al titolo del nostro articolo, perché da Barcellona 2013 è emersa una tendenza particolare, legata al “vedo non vedo”, alla sobrietà e all’austerità, condite con tanto estro e con la semplicità che le spose moderne richiedono. Tanti i marchi presenti in fiera e tanti anche quelli che hanno calcato la passerella dedicata all’architetto Gaudì. Vi segnaliamo alcuni tra i più importanti e conosciuti, che hanno incantato il pubblico con la loro semplicità creativa, lanciando la tendenza di una sposa elegante e raffinata, mai sopra le righe e contenuta nel groviglio delle sue emozioni, quelle che avvolgono il ‘sì’.

Partiamo da Rosa Clarà, che per il 2014 propone abiti a meringa, in tulle ricamati in organza e decorati con paillettes e in tulle e seta, senza spalline o monospalla (gli abiti monospalla hanno fatto capolino già lo scorso anno in quasi tutte le collezioni). Abiti romantici, che caratterizzano da sempre lo stile Rosa Clarà, con gonne ampie e corpetti in tessuti pregiati come la seta mikado e il broccato. Tessuti lisci, semplici, con piccoli accessori, che impreziosiscono la creazione, come fiocchi che segnano il punto vita, o ricami gioiello che impreziosiscono i corpetti, che talvolta sono i veri protagonisti dell’abito, mentre le gonne sono vaporose, multistrato in tulle o in organza. Gli abiti scivolati, poi, sono di ispirazione vintage, anni Venti, in linea con la febbre “The Great Gatsby”, il film riportato nelle sale cinematografiche da Baz Luhrmann con protagonista l’attore Leonardo Di Caprio. Il punto vita di questi abiti è basso e segnato da piccole cinture luccicanti di cristalli. Qualche tocco inusuale, come il completo pantalone, con top a campana e pantalone capri in un avorio metallic e l’abito con gonna ampia che si apre a fiore sul pantalone a sigaretta. Il tutto senza mai osare troppo, mostrando solo un po’ le spalle e lasciando lo sguardo a immaginare qualcosa che si intravede nelle pieghe del tulle… La morbidezza dei tessuti utilizzati si può toccare con gli occhi, i colori sono tenui, quasi impercettibili, tutto è lasciato all’ispirazione di chi guarda, perché gli abiti Rosa Clarà non sono fini a se stessi, ma ispirano considerazioni e pensieri, provare per credere con la nostra galleria fotografica!

Stella della sfilata firmata Rosa Clarà è stato il modello serbo-croato Andrej Pejic, famoso per la sua estrema androginia e che ha indossato per l’occasione uno splendido abito da sposa di questo famosissimo brand spagnolo.

Nel prossimo appuntamento parleremo di un altro grande marchio che ha calcato le passerelle catalane nel tripudio degli applausi, Pronovias.
¡Hasta luego!

Lucia Nachira


Foto: web

Leggi anche:

"Si sposa" Il portale dei sogni!
Pensa a una sposa... e fanne un capolavoro! Il fashion show di Nicole Spose
Romantica e sexy la sposa di Trinchera

Comments are closed.