Lunedì, 25 Settembre 2017
SI SPOSA - Settimanale di informazione per gli sposi Anno 6° - Numero 41

Le rose e i pizzi di Blumarine e Bellantuono Sartoria

Share Button

Un traguardo da raggiungere e uno già raggiunto. Da qui parte la meravigliosa storia dei marchi Bellantuono e Blumarine, che quest’anno hanno deciso di presentare le loro splendide creazioni nello stand e durante la sfilata a Sì Sposaitalia Collezioni Milano. Il traguardo raggiunto è rappresentato dai 40 anni di attività del marchio Blumarine della stilista Anna Molinari, con cui l’azienda pugliese Bellantuono ha un sodalizio di design e produzione da ben 15 anni. Quello da raggiungere, invece, è immaginato da un surplus di successo che il nuovo corso della Bellantuono Bridal Group (con il passaggio generazionale del testimone) raggiungerà grazie alla lungimiranza e all’innovazione di prodotto e di processo che la nuova generazione Bellantuono capitanata dalla energica e creativa Elena apporterà all’azienda.

40 le candeline spente da Blumarine, e 40 i capi presentati nel fashion show milanese, ripresi proprio dall’archivio stilistico della Maison per renderle omaggio, e rivisitati in chiave contemporanea: tra corpini plissettati e ampie gonne in organza, le rose e i fiori sono protagonisti, stampati o 3D, tradotti in versione micro e riprodotti a effetto jacquard sul pizzo chantilly o applicati sul pizzo rebrodé. D’altronde, Anna Molinari è detta da sempre la regina delle rose e non si poteva di certo smentire proprio in occasione di questo stupendo compleanno! L’abito romantico, quindi, diventa un must, realizzato con tessuti morbidi e fluttuanti e linee estremamente delicate, e in grado di far sentire tutte le spose come delle principesse, raffinate e molto femminili.

Per Bellantuono Sartoria, invece, l’ispirazione sono le forme sinuose e la leggerezza del più celebre vetraio dell’Art Nouveau, Emile Gallé. Le spose sono lo specchio vibrante della Belle Epoque: grandi fiori diventano ricami su tulle, contrapposti alla leggerezza del pizzo chantilly, mentre le gonne hanno balze accennate e forme sinuose. Nuove sperimentazioni di tessuti e volumi leggeri accompagnano, senza appesantire, la sposa nella sua giornata. Le gonne sono ampie e i corpetti lasciano scoperti décolleté e spalle. Le nuance del rosa confetto e del color ametista rendono ancora più acquerellata la collezione, a testimonianza dell’ispirazione artistica avuta dalla Maison pugliese. Ci ha molto colpito la determinazione di Elena Bellantuono, nuova guida dell’azienda famigliare, che ha deciso di tornare in Puglia dopo le sue importanti esperienze al Nord, proprio per dare la giusta grinta al brand, imprimergli nuova forza e fare in modo che sia sempre più all’avanguardia, ma con l’impronta della sartorialità Made in Italy che la sua famiglia ha saputo tracciare in maniera indelebile nel panorama bridal.

Lucia Nachira

Leggi anche:

Carmen Cinefra, il colore prima di tutto!
Le mille sfaccettature di Ottavio Nuccio Gala
Carlo Pignatelli firma anche la tua casa!
Lascia un commento