Lunedì, 25 Settembre 2017
SI SPOSA - Settimanale di informazione per gli sposi Anno 6° - Numero 41

L’abito giusto per chi sceglie il rito civile

Share Button

Non è detto che sposarsi in chiesa sia l’unica cerimonia possibile, anche perché ci sono coppie che non sono religiose, che appartengono a religioni differenti, oppure hanno già avuto un matrimonio in chiesa e si sposano in seconde nozze con il rito civile. In quest’ultimo caso, la sposa può decidere o meno di indossare l’abito da sposa tradizionale, anche se sono poche quelle che non rinunciano all’abito bianco. La maggior parte delle spose che optano per il rito civile indossa un tailleur molto elegante, oppure un abito da sera, o un completo da giorno molto ricercato, anche nei toni del bianco. Le spose che invece convolano a nozze per la seconda volta, devono necessariamente optare per il rito civile, se vogliono che la loro unione sia legale al 100%. In questo caso le scelte sono molteplici, e ognuno decide di indossare l’abito che più gli aggrada e che si avvvicina al proprio modo di essere e di pensare. La scelta dell’abito è forse più semplice rispetto a chi decide di sposarsi in chiesa, ma non per questo meno importante, perché si tratta comunque di un giorno importante dove ogni cosa deve essere perfetta. Il bouquet è un accessorio che non può mancare, non solo perché distingue la sposa dal resto delle invitate, ma anche perché è soggetto al classico lancio come tradizione vuole. Anche in questo caso libertà assoluta su modello e varietà di fiori, così come per i colori. Sarebbe opportuno che fosse intonato all’abito e riprendesse i toni indossati dagli sposi, ma, anche in questo caso, ognuno è libero di decidere quale sia il bouquet che fa al caso proprio.

Leggi anche:

Oscar De La Renta: collezione scarpe e accessori 2012
La collezione Manuel Mota 2013
Perché alcune spose si cambiano d'abito?

Comments are closed.