Domenica, 25 Giugno 2017
SI SPOSA - Settimanale di informazione per gli sposi Anno 6° - Numero 29

IL SOGNO DELLA PRINCIPESSA ANNETTE

Share Button

Nell’elegante scenario dell’Hotel Principe di Savoia di Milano ci imemrgiamo in un mondo romantico, fatto di abiti principeschi che ci raccontano una favola. La favola ha il nome di una casa di moda di nicchia, particolare e originale come la famiglia che la dirige, ma romantica e sognante come poche. Parliamo di Annette, azienda salentina da anni alla ribalta sullo scenario della haute couture. La sposa di Annette è spumeggiante! Dai tessuti utilizzati si comprende la sua anima regale, stupenda e luccicante, mai volgare, un po’ sopra le righe per lasciare a bocca aperta gli spettatori di questo spettacolo nuziale! Federica Elia ci accoglie nella sala elegante dell’hotel, tra tutte le sue creazioni, guardando alcune delle quali capiamo subito che l’eccentricità delle passate collezioni si è attenuata, per lasciare il posto ad un estremo romanticismo: linee principesche, caratterizzate da corpini stretch, steccati, drappeggiati e luccicanti, e gonne ampie su cui si ripropongono le preziosità del glitter e degli strass. Scolli a barca, a V e a fascia, fiori impressi come sigillo d’amore sul fluttuante tessuto. Incursioni di colore su alcuni capi, che vanno dal verde Tiffany al verde smeraldo al bordeaux, pur restando dominante il bianco ottico, tornato in auge da un anno circa. Rouches, paillettes, pizzi e merletti, sotto gonne in bella vista, larghi drappeggi in diagonale e rose di tessuto in evidente rilievo. Stupendo, a nostro dire, l’abito in seta leggermente glitterata con applicazioni in ricami di fiori e foglie color verde smeraldo… una vera chiccheria, degna della migliore sartoria italiana, firmata Annette Alta Moda Sposa.
L’intervista con la responsabile Federica Elia sarà pubblicata sul prossimo numero della rivista Si Sposa.

Lucia Nachira


Foto: Verardi Produzioni

Leggi anche:

A tutto Oriente! Viaggio di nozze in Giappone
La Cerimonia è un rito sociale! Parola di Carlo Pignatelli
Il nuovo romanticismo bianco di Giuseppe Papini
Lascia un commento