Domenica, 20 Agosto 2017
SI SPOSA - Settimanale di informazione per gli sposi Anno 6° - Numero 36

Estrosa e impetuosa… Diplomatica

Share Button

Il cerchio dei produttori pugliesi si chiude con un brand che si occupa totalmente di accessori per la cerimonia uomo: parliamo di Diplomatica. Un incontro piacevole che ha accompagnato la mia curiosità per l’azienda leccese specializzata nella produzione di camicie per la cerimonia. Uno stand ricco di luminosità fa da cornice alle creazioni dell’azienda posizionate sugli scaffali in vetro trasparente. Quello che ci colpisce è la particolarità dei capi esposti, un tripudio di colori e luccichii, di fronzoli e paillette. Pensati per una clientela selezionata, gli accessori Diplomatica non lesinano qualità, affermando con impeto tutta la loro personalità fatta di antica arte sartoriale mescolata a immagini futuristiche e commistioni d’avanguardia. Tessuti lucidi e lurex, puro cotone, morbida seta, raso, pizzo, inserti e ricami a disegno: la camicia Diplomatica non è la classica camicia, è pensata per un uomo estremamente sicuro di sé e dalla intensa personalità, pronto a stupire e a restare impresso nella memoria di chi lo ammira. La storia del marchio e le sue caratteristiche mi viene raccontata dal titolare dell’azienda in questa intervista.
Chi acquista un gilet o una camicia è un cliente che poi produce l’abito o è il cliente finale?
La maggior parte dei clienti che vengono da noi sono tutti proprietari di negozi, ossia quelli che hanno boutique, atelier in Italia o nel resto del Mondo. Ovviamente loro cercano sempre qualcosa di diverso dal solito, giocando con l’accessorio, ossia camicia, cravatta, papillon, cravattone ecc. In questo modo hanno delle alternative all’abito.
Quindi un abito che segna già un total look può essere intervallato da vostri accessori?
Certo, ovviamente abbinabili, perché abbiamo diversi tipi di camicie e di colori, in base a come è fatta la collezione. Se la collezione è semplice, basica, allora si attiene a delle camicie più semplici; se invece è molto estrosa, con giacche pesanti, allora sceglie delle camicie barocche, ad esempio con il pizzo.
Quindi prima di creare le vostre collezioni e le varie linee dovete leggere il mercato e capire cosa propone?
Sì, è così. Tante volte noi, quando ci interfacciamo con gli altri produttori di abiti da uomo e quindi presentiamo la nostra collezione, sappiamo che nella prossima ci sarà un certo tipo di tessuto o di colori e allora ci adoperiamo per fare delle camicie e degli accessori su quelle tonalità; se hanno usato per esempio il lurex o degli spalmati anche noi li inseriamo nelle camicie.
Avete un contatto diretto proprio con i produttori?
Sì, noi abbiamo una sorta di sinergia con loro, perché è lo stesso produttore di abiti che ha bisogno del consiglio sull’accessorio, in modo da avere un total look completo e abbinabile.
Il vostro prodotto va dalle scarpe, alle camicie, al gilet…
Noi produciamo principalmente accessori; l’accessorio per eccellenza è la camicia e insieme alla camicia ci sono il papillon, la fusciacca, il cravattone, il gilet, tutti accessori che fanno parte del settore tessile. La scarpa fa parte di un’altra categoria di accessori.
Qual è il tessuto più innovativo che è stato utilizzato per questa collezione nuova del 2015?
Il tessuto più innovativo utilizzato è il lurex, che dà quell’effetto brillantato e lucido. E anche lo spalmato. Entrambi sono tessuti tecnologici inseriti nel contesto della cerimonia uomo. I capi realizzati con questi tessuti acquistano quindi un valore maggiore.
Invece quelli tradizionali?
Quelli tradizionali, come le sete, sono dei tessuti che si vendono sempre, in particolare le sete di Como che sono le migliori, e restano un classico.
Nelle vostre linee ci sono delle rouche, dei broccati, dei ricamati…
Le camicie ricamate con un filo d’argento e un filo d’oro e anche con l’aggiunta di Swarovski originali sono andate tantissimo, sono particolari, estrose, estremamente eleganti. Poi le rouche, i broccati, il plissé, sono tutti motivi che ci contraddistinguono. I colori che vanno per la maggiore sono il bianco e l’avorio con l’aggiunta del grigio perla e del glicine, ma anche colori forti come il bordeaux. Abbiamo realizzato anche una camicia nera di pizzo trasparente sulla quale abbiamo inserito un tessuto bianco, creando un doppio strato di tessuto per evitare la trasparenza, però questo effetto chiaro risalta molto sul nero e quindi è decisamente particolare.
Da quanti anni siete presenti sul mercato?
Dal 1996 produco camicie da cerimonia uomo e ho partecipato a numerose fiere come quelle di Milano, Madrid, Barcellona, Parigi ecc.
Quali sono i mercati esteri verso cui vi affacciate?
Il nostro prodotto è venduto in Germania, in Francia, in Spagna, in Gran Bretagna e addirittura quest’anno abbiamo avuto clienti messicani. Poi anche i giapponesi e gli arabi. È importante che il prodotto italiano venga valorizzato in tutto il mondo perché il Made in Italy è forse il nostro unico punto di forza e poi quando un prodotto è fatto in Italia si nota subito e viene apprezzato tanto.

Lucia Nachira
Foto: Verardi Produzioni

Leggi anche:

Le bomboniere: come, quando e a chi donarle
LA GRACE KELLY ZUCCHEROSA DI ANNETTE
Le rose e i pizzi di Blumarine e Bellantuono Sartoria
Lascia un commento