Domenica, 22 Ottobre 2017
SI SPOSA - Settimanale di informazione per gli sposi Anno 6° - Numero 44

Antonio Riva, campione di strutture

Share Button

Scolpire un abito da sposa è un’arte nelle mani di pochi… Antonio Riva fa delle spose sculture da manuale di architettura, attento com’è alle forme, alle strutture e alla compostezza delle sue creazioni stilistiche. Per la prima volta sulla passerella milanese di “Sì Sposaitalia Collezioni”, il giovane designer italiano ha presentato la sua collezione sposa 2016 con grande maestria, privilegiando linee scivolate e tante, ma tante, rouches a dare volume all’insieme. Questo accostamento è risultato vincente, perché ha tolto dall’anonimato gli scivolati lisci e semplici, donando loro grinta e accattivante personalità. La sposa Antonio Riva è moderna, dinamica, ha molto da dire al mondo e sicuramente la parola più pronunciata è “Guardami!”.

Gli abiti proposti, lunghi o corti, hanno il mikado addosso che fa da protagonista, che si trasforma in grandi fiori o si declina in enormi rouches, sia sulla parte anteriore che su quella posteriore del wedding dress… I tessuti si rincorrono, ondeggiano e restano sempre impeccabili nonostante il movimento. Splendido il lungo velo, eleganti i copricapo, originalissimo l’abito a sirena zebrato!

“I miei abiti hanno una ‘struttura’ particolare”, ha dichiarato Antonio Riva, “fatta di rouches e costruzioni suggestive, che li fanno sembrare quasi degli origami. Ho cercato di creare uno stile che potesse caratterizzare tutte le mie collezioni rendendole quindi immortali e senza tempo. Personalmente amo le strutture pulite quindi cerco sempre di mantenere questa filosofia con le mie spose”.

La galleria fotografica che presentiamo rende molto l’idea di design strutturale appena esposta, ve la proponiamo promettendovi di continuare a seguire l’opera di Antonio Riva, che ci è apparsa abbastanza innovativa e all’avanguardia.

Lucia Nachira
Foto: Verardi Produzioni

Leggi anche:

UN AMORE DI TESTIMONE
Nicole Spose, una vita a cuor leggero!
Sensuale e femminile, la sposa di Dalin
Lascia un commento